gototopgototop
Registrazione

Centro Paradesha

SEI QUI: Home / Articoli / 533. L’umiltà necessaria del discepolo del Maestro Morya
A+ R A-

533. L’umiltà necessaria del discepolo del Maestro Morya

E-mail Stampa PDF

Il Cosmo si regge sulla reciprocità dei rapporti. L’attrazione è una forza motrice oltre che coesiva. Solo per sua virtù, in verità, la grande legge governa. I corpi materiali sono regolati dalle forze d’attrazione, e la stessa legge dispone l’intero mondo spirituale. Essa sola soffonde la vita di impulso creativo. L’equazione cosmica è in funzione della catena di continuità.
Avete parlato correttamente della Gerarchia. In effetti, la spirale della vita si edifica soltanto su questo principio. Anche la creatività del Maestro è manifestata in un moto eterno; per cui il discepolo se ne deve far permeare e deve conformarvisi. Ne segue che l’allievo che enumera i propri conseguimenti si estranea dalla verità. Per cui dico che esiste un solo Scudo: la Gerarchia.
Il discepolo che considera la propria poltrona come più elevata del seggio del Guru ha davvero bisogno di ricordare la Mano che dà. Deploro quando un discepolo afferma stesso e si comporta con arroganza.
Per Noi, l’alterigia verso il proprio Guru è il massimo della presunzione. Che tutti i discepoli lo ricordino bene.

Maestro Morya
dal Volume “Infinito”, verso 27, dei Testi Agni Yoga


Add this to your website

Centri Consigliati

centri consigliati

Libri consigliati

Libri consigliati

Riviste consigliate

Riviste consigliate

Link consigliati

Link consigliati