gototopgototop
Registrazione

Centro Paradesha

SEI QUI: Home / Articoli / 76. I “Misteri”: Sacri, Oscuri, Profani
A+ R A-

76. I “Misteri”: Sacri, Oscuri, Profani

E-mail Stampa PDF

“ Vi fu un tempo remoto

in cui nulla era,

né sabbia né mare

né gelide onde.

La terra non era

e il cielo nemmeno,

solo abisso profondo,

e non v’era erba. “

Voluspa, seconda strofa (dalla tradizione Scandinava)

 

Forme segrete di interazione col sacro che si basano su un’iniziazione e una serie di pratiche magiche mistiche devozionali che favoriscono il contatto con la divinità e l’evoluzione spirituale e materiale del partecipante.

Poiché i misteri si rivolgono a un pubblico limitato di adepti che devono mantenere necessariamente il segreto su ciò che viene loro insegnato e che essi vedono, risulta estremamente difficile, per non dire impossibile, ricostruire il contenuto simbolico, iniziatico e formativo dei misteri: con la scomparsa dei miti antichi è anche venuta a mancare la trasmissione da maestro a discepolo e da iniziato ad adepto tipica di questo sistema di conoscenza “.

da “Enciclopedia dell’Esoterismo” di Roberto Tresoldi

 

In un vocabolario, Devoto-Oli, alla parola “mistèro” si dice quanto segue:

“ 1. Quanto rimane escluso dalle normali possibilità intuitive o conoscitive dell’intelletto umano, e che perciò suscita incertezza o interessata curiosità: i m. della natura, della vita, dell’animo umano; il cuore della donna è un m.; genrc., cosa, fatto, avvenimento oscuro, inspiegabile: la causa della sua morte è ancora un m. per tutti; anche, atteggiamento di voluta segretezza: circondarsi di m.; parlare chiaro senza tanti m. 2. Nella teologia cattolica, verità che la ragione non può di per attingere né può, se rivelata, comprendere o dimostrare intrinsecamente, e che per il credente è materia di fede: il m. dell’Incarnazione. 3. al pl. Nel mondo greco-romano, tipo di religione iniziatica a carattere occulto e per lo più escatologico, talvolta in opposizione alla mitologia classica ufficiale. 4. Il dramma religioso, corrispondente, nell’area culturale francese del Medioevo, alla ‘sacra rappresentazione’ italiana. “.

 

Invece per “mistèrico”:

Connesso ai particolari tipi di culto iniziatico del mondo greco-romano, detti Misteri “.

 

Il termine “mistèro” viene dal vocabolo “mysterion”, collegato soprattutto alla civiltà greca antica. Nell’ambito, quindi, di questo contesto si protende a considerare il termine “Mistero” verso la visione specifica dell’insegnamento esoterico quale era in Grecia con i primi filosofi quale, in particolare, Pitagora. L’insegnamento esoterico veniva espresso sotto la denominazione di “Misteri”. Essi avevano carattere riservato e segreto perciò venivano trasmessi in modo silenzioso, nel “Silenzio totale”. Scopo dei Misteri era pervenire ad una graduale conoscenza mediante la sperimentazione di profondi stati interiori. La Conoscenza Metafisica pura era appannaggio dei “Grandi Misteri” e vi si accedeva dopo il superamento dei “Piccoli Misteri”, che riguardavano quanto può riferirsi allo sviluppo delle possibilità dello stato umano integrale. L’iniziazione reale è in diretta relazione con i “Piccoli Misteri”.

Un Mistero non è qualcosa di inconoscibile ma è certamente incomunicabile, per questo legato al “Silenzio” ed a procedure riservate per chi, per natura propria, possiede la giusta indole a quel “Sentiero”. La “Conoscenza di natura non umana”, chiamata “Misteri”, è l’inesprimibile.

Nella storia umana l’uomo comune, fattosi inconscio agente del Male, è stato attratto dal mistero al solo scopo di usare il potere segreto per ottenere tutto ciò che voleva.

L’uomo comune, l’uomo volgare o profano mancando di quella sensibilità capace di fargli distinguere la differenza fra “Alto” e “Basso” nella concezione di ciò che è Mistero, nell’accezione esoterico-spirituale, ha degradato, per infiltrazione, ogni ambito sacro dedito ai Misteri (gli antichi Ordini spirituali al servizio della “Luce” continuano ad essere presenti solo nell’immaginario collettivo – quali icone superficiali – ma non esistono più perché passate al servizio del Lato Oscuro o all’esibizionismo in quanto nature morte).

Si è fatta strada, nella mente dell’uomo, una concezione perversa del mistero ma anche del segreto dovuta alla inconscia devozione dell’uomo all’ignoranza e all’egoismo.

Nella pubblica opinione comune l’idea di Mistero viene associata al Segreto: Mistero e Segreto sono considerati assimilabili, ma negativamente.

L’uomo comune è affascinato, attratto dal Segreto ma non arriva a chiedersi cos’è. Per l’esoterico tutti i segreti sono il simbolo del potere soprannaturale.

L’uomo volgare vede il segreto come strumento per ingannare subdolamente tutti coloro che reputa impreparati, inesperti o ingenui così da poterli facilmente sfruttare.

Il Segreto, quale simbolo dentro il tabernacolo dei Misteri, può aiutare ad aprirsi alla realtà spirituale, in quanto spinge l’individuo a scoprire ciò che si nasconde oltre il conosciuto; ma il segreto come arma di minaccia, ricatto e prevaricazione è porta che si apre al Maligno, il quale per suo tramite si spande  sempre di più nell’umanità, per dirigerla, assoggettarla.

Cosa ha indotto gli uomini ad utilizzare il Segreto come forma di potere?

Certamente il non sapere di essere l’Anima immortale, per la quale non possono esistere Misteri e Segreti. È l’Anima che permette la profonda comprensione delle cose quando l’ego-corpo-personaggio non ricorre all’abuso e all’inganno. Più si impara ad essere Anima, e non l’ego-corpo-personaggio karmico, più affluisce ogni tipo di conoscenza necessaria, senza Misteri e Segreti.

Quella che viene chiamata coscienza individuale in un essere umano è, in effetti, uno strato di coscienza cosmica universale e ognuno è, di fatto, cosciente o meno, ambasciatore del suo strato di coscienza.

La storia umana è ammantata di Misteri e Segreti, primordiali, antichi e moderni.

Bisogna risalire molto indietro nel tempo per scorgere dove il Male ha posto i suoi primi semi per  poter impiegare il “segreto” come strumento ingannevole contro l’uomo.

Con il “segreto”, come formula o come simbolo, si cominciò l’azione manipolatoria dell’inconscio e della subcoscienza dell’umanità. L’uomo andava ingannato con il “senso del segreto” per evitare che ben altri “segreti” pervenissero in suo possesso: potersi risvegliare alla consapevolezza di essere l’Anima Immortale; che l’Immortalità, per ogni Essere spirituale (e l’Uomo è un Essere spirituale, incarnato in un corpo-personaggio, purtroppo precipitato in uno “stato di Oblio”) è uno stato naturale.

Risvegliarsi realmente significa conoscere non solo “L’Albero della Vita” ma anche “L’Albero della Scienza del Bene e del Male”.

Dopo la “seconda caduta” alcuni degli Esseri spirituali deputati a risvegliare spiritualmente gli esseri umani dall’Oblio si incarnarono, quali Maestri di Luce, in corpi di uomini in carne ed ossa, in una razza umana, dove si distinsero intellettualmente e spiritualmente.

Questi Esseri elevarono di molto i veicoli dell’incarnazione prima che l’umanità diventasse troppo materiale. Quei Maestri di Luce, prima della scomparsa della Lemuria, ottennero il “segreto” dell’immortalità (anche nei corpi) sulla Terra. Si trattava, in effetti, della riconquista di un potere naturale perduto, a seguito della “caduta”. Si trattava della possibilità, per un “Ente”, di passare da un complesso corporeo logoro ad uno nuovo, senza interruzione di coscienza, cioè secondo un principio di continuità di coscienza proprio degli Esseri effettivamente risvegliati completamente (a maggior ragione per le “Fiamme della Salvezza”).

Quei Maestri del Lato Illuminato della “Luce” divennero una Razza Eletta (“Fiamme Viventi” nelle varie Dimensioni a “luce intrappolata gravitazionalmente”), un modello-matrice codificato.

Il Potere del Lato Oscuro (rappresentato dai Maestri dalla Luce Imperfetta) ebbe paura che le umanità future entrassero in contatto con tale “segreto” dell’immortalità, e orchestrò un nuovo inganno per l’umanità “caduta”.

Da questo “segreto” si è sviluppato il “senso del Male” profondo, da quelle origini ad oggi. Il “senso del Male”, sin da allora, ha formato una grande cordata di esseri umani sensibili al Lato Oscuro del Potere piuttosto che al Lato Illuminato della Luce (una cordata che alimenta il ciclo della schiavitù karmica). Il “segreto”produce negli esseri umani invidia, gelosia, le peggiori meschinità ed un abnorme desiderio di dominio.

 

Scrive Eliphas Levi (abate Luigi Filippo Constan):

Esiste un secreto formidabile, la rivelazione del quale ha già distrutto un mondo, come l’attestano le tradizioni religiose dell’Egitto, riassunte simbolicamente da Mosè al principio della Genesi. Questo secreto costituisce la scienza fatale del bene e del male e il suo risultato, quando lo si divulghi, è la morte. Mosè lo rappresenta sotto la figura di un albero che è al centro del Paradiso Terrestre e che è vicino e che è attaccato per le sue radici all’albero della vita che è guardato dalla spada fiammeggiante e dalle quattro forme della sfinge biblica, il Cherubino di Ezechiel … qui mi debbo arrestare perché temo di già di averne detto troppo.

Si, esiste un dogma unico, universale, imperituro, forte come la ragione suprema, semplice come tutto ciò che è grande, intelligibile come tutto ciò che è universalmente e assolutamente vero, e questo dogma è stato il padre di tutti gli altri.

Si, esiste una scienza che conferisce all’uomo delle prerogative in apparenza sovraumane.

Or se questo terribile secreto esiste, non è ad un santo che deve essere confidato? “.

da Introduction au Dogme de la Haute Magie – pag. 51 –  

 

C’è una elite, guidata dai Maestri dalla Luce Imperfetta, che attraverso l’espressione della “Piramide Occulta del Potere Mondiale” tira i segreti fili dei governi di tutti i Paesi del mondo. Le fazioni che costituiscono l’elite lottano fra loro ferocemente per l’egemonia sul “Vertice della Piramide Occulta del Potere Mondiale”.

Da quando il Male ha instillato all’uomo l’uso del “segreto”, l’azione corruttiva è dilagata trovando nuove infinite espressioni del maligno.

Gli esseri umani sono legati al Tutto ma la mente fa di tutto per far ignorare loro questa elementare realtà. E così facendo, nell’identificazione con la frammentazione, gli esseri umani restano prigionieri  dell’”Errore”.

Gli esseri umani hanno espresso, nei millenni, la devozione al “segreto”, cioè all’inganno del Maligno, attraverso la proliferazione infinita di “società segrete”.

Le “società segrete” sono mostri a due teste: da una parte l’immagine impeccabile a cui nulla si può dire, e dall’altra la società a delinquere con ramificazioni in ogni dove.

Chi si vincola ad un “segreto” è prigioniero anche se si illude di essere potente. Dietro ogni “segreto” si nascondono tutte le espressioni (segrete) del Male.

Come ci si può imbattere davanti agli occhi di chi ha conosciuto Dio (e non ne parla), altrettanto ci si può imbattere in occhi che esprimono il Male vivente.

Il Male è molto diffuso nel mondo ma non ha prevalso, come in molti per condizionare vogliono lasciar intendere. Il Male è semplicemente frammisto al Bene, si è cioè nascosto sotto le spoglie del Bene: questo è l’inganno del “segreto”. È da questo stratagemma che trae un gran potere. Senza essere visto, il Male, può corrompere, avvelenare le coscienze. L’animo del “corrotto” è uno strumento potente del Male. Il Male esercita un gran potere ma non ha prevalso. È nascosto nel petto e nella testa degli uomini in giacca scura dell’elite che guidano l’economia e la finanza, provocando pianificati disastri mondiali, ma non ha prevalso. Le “società segrete” rappresentano la forma migliore della Volontà-Potenza in azione del Male.

Tutte le “società segrete” nascono per contrastare un potere considerato negativo come l’ordine costituito di un Paese ma “qualcosa”, legandole ad un oscuro aspetto spirituale, le trascina verso una spirale di violenze che passano attraverso le peggiori espressioni dell’essere umano. Nascono con il pretesto di ostacolare forme di abuso ma finiscono per esercitare soprusi, servendo il Male. Si servono, per attrarre i neofiti, di motivazioni e insegnamenti validi, universalmente accettabili.

Il “segreto” è divenuto un potente simbolo dentro l’uomo, sia nel lontano passato sia nell’attuale presente, e gli individui vi fanno ricorso tranquillamente, nelle forme più impensabili, per acquisire un potere sugli altri.

Gli esoterici insegnano che osservando il Bene si indebolisce ogni espressione del Male. Insegnano anche che il sapere di essere un’Anima imperitura fa passare indenne attraverso il “grande inganno” del Male.

Gli uomini sembrano sordi agli insegnamenti dei Saggi, ma sensibili alle vie della forza del Lato Oscuro.

In tutti i Paesi del mondo il “segreto” ha preso il sopravvento.

Molti capi della classe dirigente, in ogni Paese del mondo, vengono formati alla scuola di molte “società segrete”.

Amministratori Delegati e Presidenti di grandi società o di potenti multinazionali, capi di Stato e capi di Governo, monsignori, cardinali e futuri papi (salvo rare eccezioni che durano poco), scienziati-servi del potere, capi-padroni di media, eccetera, eccetera, tutti passano per la scelta, per la formazione e il sostegno di un potere occulto che fa riferimento al “Vertice della Piramide Occulta del Potere Mondiale”.

Nulla accade di importante, di determinante, nell’ordine sociale generale, che non sia stato deciso o previsto anche negli eventuali piani di emergenza B e C. Gli attori in questione devono solo recitare in modo del tutto credibile.

Politica e ribellioni politiche, lotte di potere, sistema di riscossione delle tasse (vessatorio per la massa ordinaria ma senza disturbare le “caste” che fanno comodo all’elite), tangenti sugli affari e sui commerci, “trattati” con le potenze straniere, tutto avviene con il bene placido del “patto” tra le “società segrete” mondiali e locali controllate gerarchicamente dal “Vertice della Piramide Occulta del Potere Mondiale”.

 

Esiste una ‘storia segreta’,

dove si trovano le vere cause degli avvenimenti,

una storia vergognosa

il Martinista Honoré de Balzac – 1843 –

 

Le “società segrete” sono quelle forze sempre all’ombra di attentati, di complotti, di movimenti rivoluzionari e dietro l’apparenza democratica dei Governi dei Paesi del mondo. Esse cambiano la storia di interi Paesi, vorrebbero influire sul destino del mondo e ci stanno provando facendo confluire i frutti delle azioni di tutte le “società segrete” nella forma allettante di un Unico Governo Mondiale.

Lo stato delle cose in opera nel mondo è dovuto incredibilmente alla risposta degli uomini al perverso potere del “segreto”.

Misteri e Segreti vengono concepiti, ormai per l’uomo, in termini di “società segrete” dall’accezione negativa.

Le “società segrete” hanno operato per rovesciare imperi, stati, governi.

Alcuni esempi di “società segrete” di storia passata e recente: gli “Uomini Leopardo” in Congo; gli strangolatori “Thug” (in onore della dea Kali) in India contro gli invasori britannici; i “Mau Mau” in Kenia; la società segreta “Al-Fatah” nel mondo arabo; gli “Assassini” (dall’arabo “Hashshi-Shin”), ordine cavalleresco musulmano antagonista (per finta) dei Templari; la “Triade”, sempre attuale, creata intorno al 1650 in Cina; gli “Uomini Leone” in Tanganika; il “Loto Bianco”, fondato nel 1280 dall’ultimo discendente della dinastia Sung; la “Crna Ruka” (la “Mano Nera”, nata nel 1911) serba con legami occulti con il gruppo Thule-Gesellschaft all’origine del regime nazista (che inseguiva una distorsione esoterica su Iperborea); la “Setta degli Otto Diagrammi” dai risvolti politici in Cina; il “Priorato di Sion” ormai famoso più per le sciocchezze dette che per i fatti accertati; la “Carboneria”, l’impenetrabile derivata dalla Confraternita di S. Teobaldo; i “Frati del Libero Spirito” di Gioacchino da Fiore (nel 1130 in Calabria); gli “Illuminati”, società segreta dell’Afghanistan del XVI sec., fondata da Bayezid Ansari (con lo stesso nome nel 1760 seguirà quella di Avignone, nel 1776 quella di Baviera di Adam Weishaupt); la “Lega degli Uomini Giusti” che cooptò Karl Marx per redigere il Manifesto Comunista; l’ombra incappucciata del “Ku Klux Klan delle Nazioni Unite partorito dal Rito scozzese della Massoneria (dei trentatré gradi); la “Golden Dawn”, fondata a Keighley nel 1887; i “Luciferini”, gruppo fondato nel XIV sec. da Gualterio Lollard; i “Cavalieri Neri” di Berlino del 1815; la “Royal Society” britannica; la “Edelweiss, una delle società segrete che hanno dato vita al partito nazista; la “Tugen-Bund” (“Lega della Virtù”), fondata nel 1786, in cui si esprimevano anche con riti sessuali (con mogli e figlie) i Rothschild, Moses, Mendelssohn, il marchese di Mirabeau; la “Die Herren Vom Schwarzen Stein” (I Signori della Pietra Nera), fondata nel 1121; la “Skull & Bones” (la “Società del Teschio e delle Ossa”, ex Eulogian Club), fondata nel 1832 all’Università di Yale quale emanazione delle logge massoniche tedeshe (culto degli Illuminati, dei Rosacroce e della tradizione templare) – selezionati i figli di famiglie influenti, ricche e già affiliate – ; il “Sodalitium Pianum” (o Sodalizio San Pio V), società segreta fondata dal Vescovo Monsignor Umberto Benigni (un potere occulto in Vaticano che esercitava controllo e spionaggio); l’”Opus Dei”, fondata nel 1928 da Monsignor José Maria Escrivà de Balaguer, un vero Governo Occulto di tutto il Cattolicesimo; i “Cavalieri di Malta”, con sede a Roma dal 1834 (“Ordine Militare Sovrano di Malta” per grazia di papa Leone XII) che esercitano forti pressioni sulle politiche mondiali; la “B’nai B’rith” (i “Figli dell’Alleanza”, in lingua ebraica) associazione potente costituita in Logge come la Massoneria; la “Loggia Propaganda” (P1 – con deputati, senatori e banchieri del Regno d’Italia) istituita a Roma nel 1877 dal Gran Maestro Giuseppe Mazzoni (un filo occulto legherà la P1 e le successive P2, P3, P4 ai segreti intenti delVertice della Piramide Occulta del Potere Mondiale”.

 

Le “società segrete” si possono inquadrare in tre tipologie:

  • quelle dal progetto filosofico, spirituale o (pseudo) esoterico
  • quelle criminali che mischiano istanze religiose, occulte e quant’altro (le Mafie, ecc.)
  • quelle dalla forma di “club riservati”, persone potenti e ricche dalla progettualità mondialista

 

Le “società segrete” più pericolose sono quelle che si costituiscono quali “Governi Ombra” e scrivono la storia con l’esercizio del potere e la forza del denaro. Ma tutte sono sotto il controllo del “Vertice della Piramide Occulta del Potere Mondiale” (sotto la totale influenza dei Maestri del Lato Oscuro).

 

Società Segrete”, nella modernità, degne di nota per la capacità di essere famose loro malgrado e restare segrete, nell’ombra di tutti gli eventi mondiali:

  • Illuminati
  • Massoneria: ramo anglo-americano (Rochefeller) + ramo franco-tedesco (Rothschild)
  • Servizi Segreti di tutti i Paesi del mondo
  • Bilderberg Club
  • Trilateral Commission
  • Pilgrims’ Society
  • Ditchley Foundation
  • Round Table
  • Royal Institute of International Affaire (R.I.I.A.)
  • Council on Foreign Relations (CFR)
  • Aspen Institute for Humanistic Studies

 

L’inganno di tutte queste “società segrete” è il riferimento ad una saggezza superiore, tramite questo esercitano una influenza sia spirituale sia politica nonché economica, al fine di riformare lo “status quo” con supremi ideali come possono essere la libertà, la giustizia, la fratellanza, la santità ma il risultato è sempre l’emanazione di uno status criminale.

Le “società segrete” hanno permesso a uomini mediocri, egoisti e senza scrupoli di impadronirsi delle risorse fondamentali e dei beni di consumo necessari alla vita civile delle popolazioni creando le sperequazioni fra ricchi e poveri, utili agli oscuri intenti dell’elite devota al Male.

Nelle “società segrete” mondiali si elaborano Piani-Azioni comprensivi di azioni paramilitari, di rivolte, di potenti assassinati, di gerarchiche crisi economiche mondiali, di destabilizzazione dei popoli.

C’è una Regia Occulta, quella dei Maestri dalla Luce Imperfetta, per ostacolare, attraverso l’azione del Sovvertimento Mondiale, l’Opera dei Maestri dalla Luce Perfetta (le “Fiamme della Salvezza”).

Lo scopo finale: consegnare completamente l’Uomo, l’Umanità e il Mondo alle dominazioni di Beliar, il capo dei Figli dell’Oscurità (molti dei quali incarnati in una razza iniqua), i cui Ordini si sono allontanati dalla iniziale stabilità con il Logos Divino e operano, a tutt’oggi, per indurre l’umanità in “tentazione” e impedirne il risveglio spirituale.

Una rieducazione dell’umanità ad un Pensiero NON-DUALE (il “Sentiero della Non-Dualità” – il “Vedanta Advaita” – l’”Uno metafisico di Orfeo” – la “Tradizione dei Sacri Misteri” dell’antica Grecia) sconfiggerebbe l’oscura azione del potere del “segreto” sulla coscienza umana.

L’identificazione dell’uomo con la “sfera delle ombre” non gli permette di risvegliarsi alla sua vera origine. Egli non riesce a riconoscersi Anima Immortale.

L’uomo, riconoscendosi Anima imperitura, risolverebbe di colpo tutti i problemi esistenziali.

 

Frattanto noi parliamo e scriviamo per indirizzare

verso di Lui, per destare dal sonno delle parole alla

veglia della visione, e quasi per additare la strada

a colui che desidera contemplare un tantino

Plotino


Add this to your website

Centri Consigliati

centri consigliati

Libri consigliati

Libri consigliati

Riviste consigliate

Riviste consigliate

Link consigliati

Link consigliati