gototopgototop
Registrazione

Centro Paradesha

SEI QUI: Home / Articoli / 63. Le “Parole”, le “Idee” e le centomila “Cose”
A+ R A-

63. Le “Parole”, le “Idee” e le centomila “Cose”

E-mail Stampa PDF

Cosa sono le “Parole” che usiamo correntemente?

Cosa sono le “Idee” delle quali crediamo esserne gli autori?

L’uomo confinato nei limiti dei suoi cinque sensi non è in grado di rispondere.

Chi si è aperto alla realtà spirituale, anche quando non “risvegliato” completamente, può intuire delle mezze verità che prepareranno il suo cuore a capire.

È con il cuore e non con la testa che si può comprendere.

La “Realtà” spirituale prepara quanto può aiutare l’uomo ad esprimere i vari livelli di coscienza nel mondo.

Una nuova “parola” entra nelle espressioni linguistiche dell’uomo dopo essere stata preparata e predisposta (nella realtà eterica) a precipitare tra gli uomini.

Qualcuno, tra gli uomini, con la sostanza mentale più idonea la capterà e credendola frutto della propria genialità la farà circolare finché diventerà d’uso corrente per esprimere il concetto (prima inesistente o incompleto alla nuova esigenza umana) che essa incarna.

Esistono livelli abitativi, invisibili agli uomini, dove i loro abitanti tacciono per udire (non per vedere) le nuove necessità degli esseri umani.

Sulla Terra giungono “sonorità” che provengono da altri piani di esistenza e chi le capta le trasforma in qualche forma umanamente comprensibile.

Le “Idee” seminali precipitano, collassano nel mondo umano, nella sostanza mentale di qualche “predisposto” allineato col momento, con la necessità e con la linea di minor resistenza dell’inconscio collettivo.

Molte “Idee” attendono che qualcuno le richiami dalle profondità del Tutto.

Molte sono le “cose” che il ricercatore deve conoscere: o attraverso la lenta crescenza del tempo (lo studio, la ricerca, la riflessione, le pratiche, le crisi, ecc.) o con il salto quantico dei graduali “risvegli” che elevano ed espandono il livello di coscienza. Certe “cose”, delle quali deve venire a conoscenza, sono state chiamate in molti modi diversi da una civiltà all’altra.

Alcuni degli déi menzionati dagli antichi sono “potenze” perché spaziano sui Nove Piani della Vita e, da quello che è chiamato l’Inconoscibile, possono far ottenere, all’essere umano, tutto ciò che è in grado di concepire con l’Anima, non con la mente.

C’è una “potenza”, ad esempio, in grado di dischiudere all’essere umano le porte della Quarta Dimensione, che è stata chiamata “Nameron” (il Neter dell’Aria), all’origine del Tempo, del Ritmo, della Musica.

L’individuo, da schiavo dell’illusione sensoriale e materiale, può trasformarsi in utilizzatore degli inganni prodotti dallo Spazio e dal Tempo e così penetrare quella realtà eterica in grado di catapultare fuori dai limiti che tengono prigionieri.

Fuori dai limiti lo Spirito Universale si rivela.


Add this to your website

Centri Consigliati

centri consigliati

Libri consigliati

Libri consigliati

Riviste consigliate

Riviste consigliate

Link consigliati

Link consigliati