gototopgototop
Registrazione

Centro Paradesha

SEI QUI: Home / Articoli / 290. Immagini e Simboli di Mircea Eliade
A+ R A-

290. Immagini e Simboli di Mircea Eliade

E-mail Stampa PDF

“Il finito diventa infinito, pur mantenendo le sue proprietà ed anche l’oggetto si trasforma in qualcosa d’altro, pur rimanendo tale. Il simbolo assume la funzione di mezzo per trasformare un oggetto o un atto in qualche cosa di diverso da quel che è nella prospettiva dell’esperienza profana. Nell’esperienza mistica la natura è tutta divina, tutto è archetipo, tutto è ierofania (ciò che mostra il sacro), non esistono più sopra e sotto: per i ‘primitivi’ in genere non esiste una differenza netta fra ‘naturale’ e ‘sovrannaturale’, fra oggetto empirico e simbolo. Un oggetto diviene ‘se stesso’ (cioè incorpora un valore) nella misura in cui riproduce un archetipo, e nella misura in cui rende evidente la complementarietà tra sacro e profano. I simboli, quali segni di una realtà trascendente, annullano i loro limiti concreti, cessano di essere frammenti isolati, per integrarsi in un sistema. Dato che l’uomo dispone di una facoltà creatrice di simboli di cui esso è l’unico fruitore, tutto ciò che compie è simbolico e questo lo porta ad interpretarsi come simbolo in una esperienza esistenziale che gli consente di sentirsi parte di quella rete di simboli per eccellenza che è l’universo. L’uomo non sente più di essere un frammento impermeabile, è invece un Cosmo vivo, aperto a tutti gli altri Cosmi vivi che lo circondano”.

tratto da “Immagini e Simboli. Saggi sul simbolismo magico-religioso” – Edizioni TEA, 1993



Add this to your website

Centri Consigliati

centri consigliati

Libri consigliati

Libri consigliati

Riviste consigliate

Riviste consigliate

Link consigliati

Link consigliati